Skip to content

Grandini

Libri per i bimbi più grandini

Letture d’estate.

Estate, tempo di vita all’aria aperta, di natura, di passeggiate…

Estate tempo di letture e di compiti delle vacanze.

Per i bambini che amano anche i momenti tranquilli da dedicare alle avventure che regala un libro questo è il periodo ideale, fatto di ritmi lenti e tempo da dedicare alla parola scritta.

Per questi giovani lettori  poterebbe essere interessante, se non li conoscono già, scoprire i classici della letteratura per ragazzi, come Viaggio al centro della Terra di Verne o Vacanze all’isola dei Gabbiani di Astrid Lindgren per mantenere, anche con la letteratura, l’idea di viaggio e vacanza.

User Comments

Per chi invece preferisce il movimento e la scoperta diretta della natura e delle avventure che regala l’estate, la lettura potrebbe essere vista come qualcosa di pesante e faticoso.

Un’idea, per stimolare la voglia di leggere, potrebbe essere quella di orientarsi verso testi capaci di assecondare e stimolare la passione per le scoperte e per l’attività all’aria aperta.

Quando io ero piccola un testo molto amato da noi bambini era  il “Manuale delle Giovani Marmotte”. Ora questo testo, riedito da Giunti,  è nuovamente disponibile nelle librerie ed è molto bello da sfogliare e scoprire assieme ai bimbi di oggi. Un altro manuale che amo molto è “Là fuori. Guida alla scoperta della natura.” scritto da M. Ana Peixe Dias  e  Inês Teixeira do Rosário, illustrato da P.Carvalho, edito da Mondadori e vincitore “Opera prima” del Bologna ragazzi Award 2015.

 

Questo bellissimo manuale insegna a riconoscere le nuvole, a prevedere i fenomeni atmosferici, a riconoscere le costellazioni, ad interpretare le tracce lasciate dagli animali e molto altro. E’ un libro ideale da portare in vacanza e leggere assieme ai propri piccoli esploratori.

Buone letture e buone vacanze

Buone Feste da Libriccini…

Le strade sono illuminate da  lucine  che sanno di magia e questa  sarà la Notte più speciale dell’anno.

Se qualcuno però assomiglia a me e ha  ancora da fare dei regali all’ultimissimo momento, eccomi qui a consigliare qualche bel libro, che ho trovato nel nuovo spazio dedicato ai bambini da Libraccio a Monza.

 

Il Primo libro che vorrei consigliare è La Notte di Natale di Robert Sabuda, ed. Rizzoli.

 

notte-di-natale

 

Sabuda è un artista del pop up e, in questo libro, ripercorre la storia della nascita di Gesù, animandola con scene che, pur utilizzando solo due colori simbolici, il bianco e l’oro, riescono a stupire e meravigliare.

 

robert-sabuda

 

Un altro libro che trovo interessante per queste festività è “La notte di Santa Lucia”, scritto da Sara Agostini, illustrato da Chiara Raineri edito da Gallucci.

 

la-notte-di-santa-lucia

 

In questo libro tra leggende e tradizioni, l’autrice ripercorre la storia di questa Santa speciale che in molte zone d’Italia e d’Europa anticipa l’arrivo del Natale.

 

santa-lucia2

 

Se invece il desiderio è semplicemente quello di un libro particolare come strenna Natalizia, c’è un altro pop up  che mi piace molto.

 

viaggio-per-mare

E’ un libro  dedicato ai bambini appassionati di navi, edito da Gallucci. L’autore, Gérard lo Monaco è  un grande  illustratore e paper engineer argentino.

Si intitola Viaggio per Mare . I protagonisti sono due marinai ed un cagnolino che guidano il piccolo lettore alla scoperta di navi leggendarie, ricostruite da Gérard lo Monaco in tre dimensioni attraverso l’arte del pop up.

 

viaggio-per-mare-2

 

Buone letture e buone Feste.

Il Web è Nostro. Guida per ragazzi svegli.

E’ un libro utile e fatto molto bene che, con chiarezza, semplicità e in modo molto pratico parla ai ragazzi e ai genitori di internet, insegnando a difendersi e a prevenire i pericoli quando si naviga in rete, ma anche a non recare danno a chi abbiamo vicino.

il-web-e-nostro

Attraverso le pagine di questo libro si acquisisce consapevolezza delle opportunità ma anche dei pericoli del web.

L’autrice, Anna Fogarolo, Digital PR, Content e Community Manager, ci ha regalato questa piccola e preziosa intervista.

Buona lettura :)

anna-fogarolo

Buongiorno Anna, benvenuta su libriccini. E’ da tanto tempo che ti occupi di web?

Ciao Lorenza, il piacere è mio! Oramai sono 10 anni che mi occupo di comunicazione per il web, passando dai contenuti all’analisi e utilizzo dei Social media, 10 anni non sono molti, ma i Social sono una realtà relativamente nuova, quindi mi posso definire una veterana del settore.

Hai qualche aneddoto da raccontarci legato alla tua esperienza sul web?

Come tutti i lavori anche il Web concede aneddoti e particolari ricordi, forse la differenza maggiore è il numero elevato di persone che permette di raggiungere. Usando quotidianamente i Social per lavoro rimango sempre perplessa di fronte alla mancanza di educazione che tutti noi adulti dimostriamo online: persone normalissime, brave e assolutamente ineccepibili nella vita reale dimostrano il peggio di sé online. Dal punto di vista lavorativo questo non è un grosso problema, io sono adulta e so come gestire emozioni negative e maleducazione, ma come possiamo pretendere che i nostri figli si comportino meglio? Come possiamo chiedere a loro di essere bravi cittadini digitali quando noi adulti non diamo il buon esempio?

 

a-f-il-web-e-nostro

Come ti è venuta l’idea di questo libro?

A volte le scuole mi chiamano per affrontare assieme ai ragazzi la spinosa questione dell’educazione digitale, dalle primarie alle secondarie di primo grado, il mio viaggio per l’Italia è appena agli inizi. Durante uno di questi incontri una ragazzina molto sveglia mi interrompe per affermare “Ma io sono sempre da sola mentre uso il cellulare! Come posso farmi male?” , da questa esclamazione così sentita, e dalla certezza che i ragazzi oggi sono molto interessati all’argomento, ho iniziato a ragionare ad un libro per aiutarli a “sopravvivere” alla giungla del web, con serenità e consapevolezza.

Quale dovrebbe essere il ruolo della scuola e quale quello dei genitori nell’educazione digitale?

La scuola si sta già attivando, molti gli incontri e le discussioni sul tema Educazione Digitale, è presente e certo nel suo ruolo educativo gestire anche questa novità non è facile. Io credo che l’argomento dovrebbe venire preso con maggiore serietà dai genitori, il primo cellulare viene oramai regalato molto presto, a 8 anni circa, ma spesso viene dato senza alcuna spiegazione su come funziona e come ci si comporta online. Siamo convinti, noi genitori, che essendo i nostri figli nativi digitali, non abbiano bisogno del nostro aiuto. Invece… ne hanno eccome!

 

il-web-e-nostro-guida-per-ragazzi-svegli

Come hai deciso di strutturare questo libro?

Era importante realizzare un libro non scolastico, un manuale divertente e capace di incuriosire per attirare l’attenzione dei giovani lettori senza annoiare. Per questo ho deciso di intrecciare una storia al manuale, rendendo così la lettura più leggera e accattivante, alla storia ho poi affiancato il manuale vero e proprio intervallato da quiz e giochi divertenti.
I ragazzi mi dicono che l’idea piace, e molto ;)

Ti è capitato di presentare il libro in qualche scuola?

Certo! E ammetto che è sempre un’esperienza bellissima, bambini e ragazzi dimostrano molto interesse, mi sommergono di domande, e riescono ad alimentare discussioni nuove e molto interessanti ad ogni incontro. Si rendono conto che l’argomento desta particolare preoccupazione in genitori e insegnanti, vogliono capire il perché e desiderano sapere come usare il Web senza farsi male.

ana-fogarolo-il-web-e-nostro

TITOLO: Il Web è Nostro. Guida per ragazzi Svegli.

AUTORE: Anna Fogarolo

EDIZIONI: Erickson

 

Senza Ricetta, nella cucina di Marta.

La piccola Marta, attraverso questo libriccino speciale, racconta la sua giornata, le sue sensazioni e pensieri.

Per farlo usa la poesia.

Una poesia un po’ diversa dalla classica filastrocca che generalmente associamo al mondo dei bambini.

 

Senza Ricetta, S. Geroldi

Marta parla attraverso gli Haiku, un antico schema poetico giapponese composto da tre versi, capaci di cristallizzare l’attimo…

Ecco un esempio che prendo da queste pagine preziose:

Spesa con papi,

lista dimenticata

molta focaccia

 

La mamma di Marta, Silvia Geroldi , prende per mano il lettore e lo accompagna a scoprire la giornata della piccola Marta fatta di scuola, amici, giochi, famiglia, cibo e natura.

 

Senza Ricetta, Silvia Geroldi

 

Ho conosciuto Silvia Geroldi, grande appassionata d’Oriente,  in occasione di un suo laboratorio per adulti sulla rilegatura giapponese. Un laboratorio fatto di fili colorati, carte pregiate, colori e piacevoli chiacchiere.

 

Silvia Geroldi , Senza Ricetta

 

Silvia mi ha fatto conoscere  il percorso di questo libriccino, nato da un’idea di Pino Pace e Monica Monachesi, realizzato da Silvia attraverso intrecci di parole, illustrato da Giuseppe Baghiroli e accolto con entusiasmo dalla casa editrice Bohem  che ha subito amato questo libriccino per il suo punto di vista bambino.

Geroldi, Senza Ricetta, Bohem

Buona lettura  ! :-)

 

FRASE PREFERITA : Sosta per pranzo, divoriamo veloci, pane e vacanze.

TITOLO : Senza Ricetta, nella cucina di Marta

AUTORE: Silvia Geroldi

ILLUSTRAZIONI : Giuseppe Baghiroli

EDIZIONI : BOHEM

 

Voglio essere il numero 2.

Questo libriccino di Alberto Pellai , edito da Erickson è dedicato ai bambini, ma parla molto anche ai genitori.

 

voglioessere il numero 2

 

A noi grandi dice: il bimbo che ti guarda e ti ascolta ha bisogno di vivere, giocare e scoprire i propri talenti, a prescindere dalle tue aspettative. Ricordati che, se tuo figlio fa otto cose giuste e due sbagliate, quelli da notare non sono gli errori…non sono le notine stonate.

In fondo al libro troviamo alcune pagine dedicate proprio agli adulti, dove l’autore commenta la storia narrata, fornendo ai genitori qualche dritta che aiuta ad evitare di dare ai figli quella brutta sensazione di “non essere all’altezza delle aspettative di papà e mamma”.

 

 

Pellai- Voglio essere il nuemro2

In queste pagine l’autore ci ricorda che, la felicità di un bambino è qualcosa di diverso da una corsa infinita verso risultati e competenze.

Le protagoniste della storia sono Caterina e Viola. Due sorelle un po’diverse: Caterina è fatta a modo suo, ama fare torte e suonare la chitarra, qualcosa di molto lontano da ciò che vorrebbe  la mamma perfezionista.

 

Viola, invece,  soddisfa pienamente la mamma: ha voti impeccabili e suona perfettamente il piano… ma Viola è più felice di Caterina? Forse no: nonostante i rimproveri continui della madre, Caterina ha già trovato la propria strada e i propri talenti, mentre Viola è intrappolata dalle aspettative materne.

 

Per fortuna, a correggere il tiro, ci sono nonna Isotta e papà che hanno occhi capaci di vedere il grande valore di Caterina e Viola e di tenere a bada la mamma perfettina.

voglio essere il numero 2 -Pellai

INCIPIT : Ho nove anni. Io sono io. Non posso essere te, così come tu non puoi essere me .Perché ognuno di noi è fatto a modo suo. Io per esempio amo fare le torte con la nonna Isotta. Mamma però non è contenta quando faccio le torte con la nonna…

TITOLO: Voglio essere il numero 2

AUTORE: Alberto Pellai

ILLUSTRAZIONI: Marco Lombardini

EDIZIONI: Erickson